Home

News

Band

Images

Discography

 

The Clouds

Inafferrabili, intoccabili dall'uomo, delicate e potenti come null'altro, mai la stessa forma, mai lo stesso grigio, mai lo stesso bianco, mai la stessa luce o la stessa ombra, mai lo stesso posto. Se il paradiso esistesse si troverebbe sulle Nuvole, sarebbe il posto da dove cadde l' Angelo della Misericordia per diventare Demone, sarebbe il luogo dove gli Dei ai quali in molti credono, avrebbero dimora. Le Nuvole, capaci di emettere luce, suoni, di generare acqua, di creare la vita o di portare morte, il bene e il male racchiuso in qualcosa di impalpabile, immodificabile... da sempre catturano la nostra vista, cambiano i nostri stati d'animo, fanno viaggiare la nostra fantasia come soltanto le cose informali possono fare, il luogo dove i pensieri possono partire da zero, perché è come se davanti a noi non ci fosse nulla, nessuna immagine concreta che possa influenzare la mente. Esse sono la visione del luogo più primordiale che noi possiamo conoscere, sono esistite da prima di ogni forma di vita e non si sono mai estinte... e quando noi lo saremo, esse continueranno a volare, a piangere, a nascondere, a giocare con le ombre. Le ombre... le Nuvole le hanno viste per prime e se ne sono innamorate, così hanno deciso di legarle al freddo, all'inverno, alla nebbia ed alla notte. Le Nuvole... coloro che nascosero il sole nel momento in cui vedesti la Ragazza in Attesa della sua prossima vittima, dissolversi tra le Ombre. Ora è carnefice di se stessa, ha bisogno di riparo... è là dove ella Corre, là dove ella scompare, tra le Nuvole. Là dove gli scrittori e i poeti rimangono imprigionati nel tempo, quando la morte si lancia in volo e Cade giù... sulla terra, per rapire ciò che essi hanno scritto. Un giorno le Nuvole più scure ti dissero che Sei un Perdente, ma potrebbero essere state completamente nere e allo stesso tempo avrebbero potuto farti rinascere, se solo tu avessi imparato ad amarle. Ecco perché le Nuvole e l'amore hanno la stessa consistenza, esistono ma non si possono toccare, sfuggono al tatto ma rimangono nella mente, scivolano nel corpo e sanno accecare, ognuna a suo modo, ma spesso l'amore eccessivo porta all'odio... l'odio, complementare dell'amore, anche lì vagano Nuvole, per far sì che la Coscienza e la Conoscenza, non siano alla portata di tutti, l'odio esiste per velare e svelare, esiste per chi Vuole il Mondo come terra di conquista, non per chi invece è alla ricerca di una imperfetta saggezza di umana memoria. Le Nuvole possono darti una sensazione liberatoria se la desideri, qualcosa di indescrivibile, un impatto emotivo straordinario... furono l'ultima cosa che vidi prima di essere seppellito Sotto la mia Pietra, la pietra che mi custodì per centinaia di anni e che poi mi rigettò dalle Nuvole alla terra, alla realtà della strada... là dove aprendo gli occhi nuovamente, vidi mentre ti partorivano... e le Nuvole ti presentavano la ragazza in acido... Lei Vuole soltanto continuare a vivere... ti dissero, ma era soltanto un viaggio lisergico o l'acido frutto dell'egoismo degli uomini? L'egoismo, più raffinato dell'odio, meno colpevolizzante per la propria coscienza e più facile da nascondere tra le Nuvole... le Nuvole, parole per legare, parole e azioni per amare se stessi e farsi amare da una generazione di ciechi e oppressi dal potere nato dalla repressione degli oppressori repressi... Quella volta... prima di ricadere, sarebbe stato meglio dire... io Voglio Morire, morire nuovamente, perché non appartengo a tutto questo, morire perché caduto dalle Nuvole... non avrei voluto ne dovuto trovarmi qui, in questo luogo, in quest'epoca, tra queste Bestie che si auto definiscono Uomini e che chiamano Bestie gli Animali... Creati, questi Uomini Bestia, da Dio a loro dire, un Demone nascosto tra le Nuvole che osserva e ride degli Orrori di cui l'uomo è capace. Parleranno di lui ancora per molti secoli... lo chiameranno con diversi nomi, ogni popolo continuerà a credere che il proprio creatore sia Unico e Solo... e guardando verso le Nuvole impregnate di sangue, continueranno ad uccidere in suo nome... Adesso nulla più ti sorprende, il Sangue scorre Freddo nelle tue vene... è giunto il momento di amare ciò che non ha forma ma puoi vedere, non ha bocca ma puoi sentire, non ha mani ma sa come toccarti, non ha occhi ma sa come trovarti... non ha sentimenti ma sa sempre emozionarti. E nel preciso istante in cui giungerai alla riflessione sull'apparire nella vita... e sull'essere nella morte... come stravolto da un incantesimo, perso in una foresta ai confini del nulla, sulla cima di una montagna di corpi senza vita... anche tu morente, guardando verso l'alto nello spazio infinito, ti accorgerai della loro straordinaria bellezza e ammirandole, non potrai fare a meno di dire... Io adoro le Nuvole.

Audio

Video

Shop

Reviews

Links

Contact

 

The Angel of Mercy - E.P. 2005
Tales Of Dead Waves - 2010
The Clouds - 2006